Categorie
Technology

PAGAMENTI ONLINE E SITI DI HOME BANKING SEMPRE PIÙ UTILIZZATI MA OCCHIO A DIFENDERSI CONTRO I CYBERCRIMINALI

Secondo il sondaggio Kruk il 40% del campione non protegge i propri dati con password univoche per paura di dimenticarsele: 7 accorgimenti di Kaspersky per evitare brutte sorprese

Le misure adottate per arginare la diffusione del COVID-19 hanno contribuito ad un forte aumento dell’uso dei canali digitali per gestire attività come lo shopping, l’intrattenimento e le proprie finanze come l’internet banking. Oggi le piattaforme di e-commerce o di gestione di servizi e acquisto dei beni, hanno al loro interno opzioni di pagamenti e registrazione dei dati personali e per questo occorre fare più attenzione e adottare regole di buon senso per evitare brutte sorprese.

Nonostante le neo acquisite capacità digitali degli italiani, sono tuttavia in molti a non prestare attenzione a piccoli ‘segnali’ che possono rendere un sito non sicuro, e in altrettanti a non proteggere accuratamente i loro dati sensibili. Kruk, l’esperto del credito, particolarmente ricettivo al tema dell’innovazione digitale e alla protezione dei dati e dei capitali dei propri clienti, ha condotto un sondaggio per scoprire in che modo gli utenti proteggono i loro dati e i pagamenti online e ha interpellato l’esperto in cybersecurity Kaspersky per stilare una lista di accorgimenti da adottare per proteggersi.

Ormai le mille alternative al vecchio contante sono state sdoganate: tra carte di credito, di debito e prepagate; sistemi di pagamento digitali come Satispay, PayPal, Google Pay o i tradizionali bonifici ma fatti via internet banking, adesso è possibile effettuare qualsiasi transazione con un semplice clic. Secondo il sondaggio di Kruk a seguito di questi lockdown il 54% del campione usa abitualmente i pagamenti digitali al posto delle vecchie banconote ed il 35% ammette che con queste formule di transazione è anche più facile tenere traccia dei pagamenti effettuati nel breve e lungo periodo. Ciò nonostante, il 40% dello stesso campione ammette che fa fatica ad utilizzare password univoche per proteggere conti e dati sensibili perché teme di dimenticarsele. Un dato che non sorprende considerando che uno dei grandi temi che contrastano la conversione dei carrelli di e-shopping è l’autenticazione forte, quella cioè a più passaggi.

Secondo una indagine Kaspersky, l’82% degli italiani è disposto addirittura a condividere i propri dati personali in cambio di grandi sconti online, questo dimostra quanto sia ancora poca la consapevolezza sull’importanza di proteggere i propri dati. In questo scenario, quindi, dove il divario tra la corsa alla digitalizzazione e la presa di coscienza dell’importanza di proteggersi dai cyberattacchi, Kruk ha chiesto a Kaspersky di fare chiarezza sui piccoli accorgimenti da adottare quando si naviga online, soprattutto nel caso di trasferimenti di denaro.

Attenzione al sito – Inserire i dettagli del conto o della carta di credito solo su pagine web con il simbolo del lucchetto nel browser e in cui l’indirizzo web è cambiato da http a https che indica una connessione sicura;
Attenzione al wifi non protetto – Accedere al conto o effettuare una transazione da una rete wireless protetta. Se si accede a Internet tramite una rete wifi pubblica, la sicurezza potrebbe essere messa a rischio. I cybercriminali possono intercettare i dati e catturare password, informazioni di accesso e dati finanziari. Se si ha la necessità di accedere ad Internet quando ci si trova fuori casa, è più sicuro farlo tramite la rete del telefono cellulare.
Password univoche – Utilizzare una combinazione di lettere e numeri quando si sceglie la password per evitarne la facile identificazione. Non annotare mai la password su carta. L’uso di un programma di gestione delle password può aiutare a gestire più account e password e crittografare le password che altrimenti sarebbero visibili.
Firma elettronica – La firma elettronica dei documenti agevola la gestione ed è uno strumento molto utile. Ci sono diverse tipologie di firme elettroniche e ognuna ha delle caratteristiche che vanno comprese prima di condividere documenti ed informazioni personali. Anche in questo caso vige la regola che prima di aprire qualsiasi file ricevuto online o prima di cliccare sui link per accedere ad un documento è necessario assicurarsi che il destinatario sia attendibile e di aver installato sul computer una soluzione di sicurezza affidabile.
Occhio ai messaggi – È stata ricevuta una chiamata, un’e-mail o un sms inattesa dalla banca o da un sito su cui facciamo spesso transazioni online? Guardarla con sospetto e non comunicare mai dettagli personali nelle e-mail, salvo aver contattato direttamente la banca o il sito fino a non aver verificato l’origine della comunicazione e nel caso di dubbio, non cliccare sui link inviati.
Non avere fretta – Anziché fare semplicemente clic su un collegamento per collegarsi al sito web del rivenditore o banca prescelto, è più sicuro digitarne l’URL nella barra degli indirizzi del browser web. Questa può essere un’azione un po’ più complessa, ma grazie a questo semplice accorgimento si può evitare di visitare un sito web fittizio o malevolo.
Proteggere smartphone e PC – ll computer e gli altri device necessitano di un buon software di protezione per difendersi da programmi dannosi e cyberattacchi.
Al di là di queste sette regole vale naturalmente il buon senso: un’opportunità o offerta troppo bella per essere vera è da guardare con sospetto, soprattutto online!

A proposito di KRUK

Fondato a Breslavia nel 1998, il Gruppo Kruk è quotato sulla Borsa di Varsavia e sul mercato obbligazionario del Warsaw Stock Exchange. Il gruppo è composto da 14 società presenti in sette Paesi e impiega oltre 3.000 persone. Con una quota di mercato del 21 per cento in Polonia e del 38 per cento in Romania, Kruk è leader nel mercato della gestione del credito in Europa Centrale. A fine 2019 il Gruppo può contare su un valore nominale complessivo di circa 17 miliardi di euro in gestione, pari a oltre 8 milioni di clienti.